Descrizione

In questo gruppo si tratta di corde e bondage, soprattutto ma non solo. Ogni argomento relativo alla costrizione e qualche cosa relativa alla verberazione (se connessa con la costrizione) è benvenuto, ogni foto [no internet please!!] che abbia attinenza con l'argomento è ben accolta.

Così come sono ben accolti/e i/le newbies, neofiti nella lingua dell'Alighieri Dante, che vogliono domandare e chiedere, che hanno più dubbi che certezze. Nessuno nasce imparato, si diceva, e nessuno impara una lingua solo leggendo i bugiardini delle medicine.

Qualche informazione in più sul nome: kitan, in giapponese, significa "cosa strana" e la rivista giapponese Kitan Club ha raccolto, dal 1946 fino al 1977, cose molto, molto, molto "strane". Dai primi passi del sadomaso e del bondage giapponese (che lì si chiama kinbaku - legare stretto - o shibari - legare e basta) alle più sofisticate tecniche di immobilizzazione con corde sul Kitan Club s'è praticamente visto di tutto.

Per dirne una, ad esempio, il Kitan Club ha pubblicato a puntate (per la prima volta) il cult femdom di tutti i tempi, Yapoo.

Ma non solo: quasi tutti i kimbakushi (legatori) giapponesi di seconda generazione hanno iniziato guardando le fotografie del Kitan Club e da qui sono partiti inventando un'arte così complessa e sfaccettata che a stento si crede abbia solo poco più di 70 anni.

A proposito di Club, dal 1980 al 2000 circa in Italia circolava una rivista il cui nome era proprio Club. Direttore editoriale Fulvio Brumatti.

Come la Kitan Club la rivista Club era un contenitore di "cose strane", dal sadomaso più spicciolo dei "mappamondi in fiamme" alla "giuliva siringa", dalla posta di Nives alla rubrica dedicata al mondo gay leather, dai racconti di dominazione femminile agli editoriali di Fulvio.

Il primo "magazine" come si direbbe oggi dedicato al sadomaso in tutte le sue sfaccettature, ante-BDSM e ante-SSC che però anticipava in Italia quella nuova coscienza dell'essere "strani" con una punta d'orgoglio, dell'essere "non covenzionali" senza sentirsi fuori posto o pronti per il lettino freudiano.

Non pretendiamo di eguagliare l'epopea del Kitan Club e di Club ma con la stessa filosofia "all inclusive" vogliamo aprire un club che ospiti soprattutto bondage ma non solo, soprattutto rope bondage ma non solo, soprattutto quel misto tra occidentale ed orientale che prende il nome di "fusion" di cui Midori e Randa May sono maestri ... ma non solo.

Come la Kitan Club e Club ci saranno foto e video, topic di forum proposti dalla "redazione", iniziative e incontri di corde dal vivo e virtuali organizzati dal gruppo che più si sta spendendo per fare informazione e per muovere le acque ma, a differenza delle riviste, saranno i "fan" a rendere speciale e veramente "strano" il gruppo, con i loro scritti, le loro foto, i loro video.

Ok, questo detto si ... riparte.

Un abbraccio a tutte e tutti.

A presto e con affetto.

K.

Foto
Events
Vuoto
Video
Esinem - Legatura singola modificabile
263
264
268
400
Commenti
Ordina per: 
Per pagina:
 
  •  Perla: 
     
    WOW! esiste un posto simile a Roma o tocca scarpinare fino alla Mole?
     
     18.01.20181 risposte1 risposte 
    0 punti
     
  •  Blackheart: 
     
    Buona sera a tutti, ho ben poco da dire in quanto sono solo un principiante volenteroso. Spero di poter conoscere altri appassionati di corde e fotografia e confrontarmi con loro.
     
     07.11.2017 
    0 punti
     
  •  wsx69: 
     
    Buonasera a tutti, sono fotografo e rigger coreografico
     
     24.10.2017 
    0 punti
     
  •  giopertis: 
     
    Buonasera a tutti, sono Rigger dalla Sardegna
     
     20.05.2017 
    0 punti
     
  •  FISHBONE: 
     
    Qui le chat si accavallano al video di Esinem potete fare qualcosa?
     
     28.04.2017 
    0 punti
     
chat
Location
PaeseItalia
CittàMilano
Informazioni
Kitan
Kitan, robbbba strana e da pervertiti :-). Corde soprattutto ma non solo ....
Vota
7 votes
Raccomanda